Questo sito contribuisce alla audience di

Auster, Paul

scrittore e poeta americano (Newark, 1947). Scrittore filosofo, Auster ha avviato già nelle sue prime opere (Unearth: Poems, 1974; Well Writing: Poems, 1976) una riflessione sulla natura del linguaggio, che si arricchisce nei romanzi, sorta di apologhi sugli inganni della comunicazione e sull'identità perduta di un mondo in corsa verso la catastrofe. City of Glass (1985; La città di vetro), Ghosts (1986; Spettri) e The Locked Room (1987; La stanza chiusa) formano la Trilogia di New York e sono romanzi sperimentali, in cui Auster mescola abilmente il genere poliziesco con le tematiche filosofico-metafisiche. The Locked Room, il terzo della trilogia, è indicato all'unanimità come il suo romanzo più convincente. In the Country of Last Things (1987; Il paese delle ultime cose) è un racconto di genere apocalittico, ambientato in una New York del futuro, in cui lo sfacelo dell'industrialismo si è ormai compiuto. Notevole interesse hanno suscitato anche Moon Palace (1989; Il palazzo della luna), The Music of Chance (1990; La musica del caso) e The Invention of Solitude (1982; L'invenzione della solitudine). È tornato al genere fantastico – al quale si era già dedicato con il romanzo Leviathan (1992; Leviatano) – con Mr. Vertigo (1995), storia di un teppistello capace di volare ambientata nell'America degli anni Venti. Successivamente Auster ha pubblicato altri romanzi: Timbuctù (1999; Timbuctù); The Book of Illusions (2002; Il libro delle illusioni), Oracle Night (2004; La notte dell'oracolo), The Brooklyn Follies (2005; Follie di Brooklyn), Travels in the scriptorium (2006; Viaggi nello scriptorium). Nel 2008 è uscito Man in the Dark (Uomo nel buio) e nel 2009 Invisible (Invisibile). Divenuto oramai una sorta di autore culto per le nuove generazioni di scrittori americani, si è rivolto anche al cinema collaborando alla realizzazione, con il regista Wayne Wang, di due film: Smoke e Blue in the Face. Il suo esordio come regista è avvenuto nel 1997, allorché ha diretto Lulu on the Bridge, per il quale ha scritto anche sceneggiatura e dialoghi. Il film è stato presentato al Festival di Cannes del 1998.