Questo sito contribuisce alla audience di

Bàrbaro, Umbèrto

teorico italiano del cinema (Acireale 1902-Roma 1959). Traduttore di Pudovkin (oltre che di Arnheim, Balázs ed Ejzenštejn) già durante il periodo fascista, preparò ideologicamente l'avvento del neorealismo, di cui può dirsi il padre spirituale. Anche per lui il film è arte di collaborazione, la cui unità va ritrovata nell'asse etico-ideale che lo sostiene. Si occupò della sceneggiatura, del montaggio e dell'attore-creatore, nei suoi saggi e nelle sue lezioni al Centro sperimentale di cinematografia. Sceneggiò egli stesso e diresse documentari e film. Nei volumi Il film e il risarcimento marxista dell'arte e Servitù e grandezza del cinema, pubblicati postumi (1960-62), sono raccolti i suoi scritti maggiori, le sue recensioni critiche e il suo abbozzo, incompiuto, di estetica generale.

Media


Non sono presenti media correlati