Questo sito contribuisce alla audience di

Bâbur

(turco, tigre), soprannome dell'imperatore e poeta turco ciagataico Muḥammad Ẓâhīr ad-Dīn (? 1483-Agra 1530). Discendente di Gengis Khān e pronipote di Tamerlano fondò un regno nell'Afghanistan (1504) da dove si spinse alla conquista dell'India settentrionale. Il 26 aprile 1526, con la battaglia di Panipat, Bâbur sconfisse l'esercito dei Lodī, occupò poi Delhi e Agra e fondò l'Impero moghūl. Seguendo la tradizione letteraria dell'età timuride e particolarmente Ali Sir Nevai, Bâbur scrisse poesie liriche in cui rivela un gusto raffinato e notevole talento artistico. Le sue memorie, raccolte nel Bâbur-nâme, rappresentano il culmine della prosa turco-ciagataica.

Media


Non sono presenti media correlati