Questo sito contribuisce alla audience di

Bakst, Léon

pseudonimo dello scenografo e pittore russo-francese Lev Samojlovič Rozemberg (Pietroburgo 1866-Parigi 1924). Legato ai Ballets Russes di Djagilev (Oiseau de feu, Shéhérazade), lavorò per Ida Rubinstein e in altri famosi spettacoli (La Pisanella, 1913; Fedra, 1923, di D'Annunzio-Pizzetti). Tra i fondatori della rivista Mir Iskusstva (Mondo dell'arte), ricercò le proprie fonti nel folclore barbarico russo. Come scenografo sostenne l'esaltazione cromatica, violenta, con prospettive a grandi assi in profondità, di reminiscenza barocca. Insuperabili, per sfarzo ed eleganza, i costumi.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti