Questo sito contribuisce alla audience di

Balbo, Pròspero

uomo politico (Torino 1762-1837). Figlio adottivo del conte Lorenzo Bogino, ne continuò l'opera riformatrice in campo legislativo, economico e finanziario. Membro del collegio dei giureconsulti di Torino (1781) e del collegio dei decurioni (1782), socio fondatore della Patria Società Letteraria (1782) e segretario aggiunto della Reale Accademia delle Scienze, riordinò le finanze della città, istituendo (1795) la Cassa dei Censi e Prestiti per l'ammortamento del debito pubblico. Nel 1796 fu ambasciatore a Parigi. Durante l'occupazione francese del Piemonte scelse l'esilio, ma nel 1806 accettò da Napoleone la carica di rettore dell'Università di Torino. Restaurati i Savoia, fu ambasciatore di Vittorio Emanuele I in Spagna (1817), poi ministro dell'Interno (1820) e in tale qualità progettò un piano di riforme giudiziarie e una Costituzione moderata che gli valse, nei moti del 1821, le accuse dei liberali e dei reazionari. Dimessosi sotto Carlo Felice, fu nominato da Carlo Alberto presidente della Sezione di Finanze del Consiglio di Stato (1831). Si dimise nel 1834.

Media


Non sono presenti media correlati