Questo sito contribuisce alla audience di

Baldus

poema in latino maccheronico di Teofilo Folengo, pubblicato in edizione definitiva nel 1552. Il protagonista, Baldus, figlio di Guidone, discendente di Rinaldo, viene allevato a Cipada, presso Mantova, dal contadino Berto Panada. Divenuto un eroe popolano, fa lega con la feccia del paese: con Cingar, una specie di Margutte, e con Falchetto, mezzo uomo e mezzo cane, Baldus semina il terrore nel paese e vive alle spalle di Zambello, figlio di Berto, immagine del contadino goffo e sfruttato. Di avventura in avventura Baldus giunge all'inferno e finisce in un'immensa zucca, dove sono puniti i bugiardi, in primo luogo i poeti e, tra essi, anche Merlin Cocai (pseudonimo dell'autore). Motivo centrale del poema è la scoperta del mondo contadino, che è la fonte di ispirazione della robusta e amara comicità del Folengo.

Media


Non sono presenti media correlati