Balla, Giàcomo

pittore italiano (Torino 1871-Roma 1958). Autodidatta, nel 1895 lavora a Roma, dove dipinge i suoi primi quadri (paesaggi e scene di vita reale) con tecnica divisionista. Dopo un viaggio a Parigi (1900), espone a Roma numerosi ritratti e opere anche a sfondo sociale, mentre il suo studio, frequentato tra gli altri dai giovani Boccioni e Severini, diventa luogo di incontro, di discussioni e di nuove ricerche. Conosciuto Marinetti, Balla è tra i firmatari del Manifesto tecnico della pittura futurista (1910); alle tematiche del futurismo si era avvicinato in seguito agli studi che egli stesso aveva già intrapreso nella ricerca di effetti di luce particolari (Lampada ad arco, Museum of Modern Art di New York) e di dinamismo. Accanto alle prime Compenetrazioni iridescenti del 1912-14 (altre ne eseguì tra il 1918 e il 1920) si pongono opere in cui studia le forme in movimento (Bambina che corre sul balcone, Automobile in corsa, Dinamismo di un cane al guinzaglio, L'archetto del violinista, ecc.) e il movimento inteso come espressione plastica astratta: rotatorio, ellissoidale e a spirale. Pur continuando nelle sue ricerche di carattere sperimentale, si è occupato anche di arredamento (arazzi), di scenografia (per i balletti di Djagilev nel Fuoco d'artificio di Stravinskij), di arte decorativa in genere, influendo anche sulla scultura e sull'architettura. Negli ultimi anni Balla dipinse secondo un naturalismo verista, che peraltro, sia pure saltuariamente, non aveva mai del tutto abbandonato. Tra le retrospettive a lui dedicate ricordiamo, oltre a quelle realizzate negli Stati Uniti, la mostra della Galleria Civica di Torino (1963) e quella della Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma (1971-72).

Bibliografia

R. Crispolti, Giacomo Balla, Catalogo dell'Esposizione, Galleria d'Arte Moderna, Torino, 1963; A. Barricelli, Balla, Roma, 1967; M. Fagiolo Dell'Arco, Futurballa, 4 voll., Roma, 1968; P. Bucarelli, Giacomo Balla, Catalogo della Mostra, Roma, 1971; E. Crispolti, Il mito della macchina e altri temi del Futurismo, Trapani,1971; M. Fagiolo Dell'Arco (a cura di), Balla the Futurist, Milano, 1987.

Media

Giacomo Balla.