Questo sito contribuisce alla audience di

Ballagas, Emilio

poeta cubano (Camagüey 1910-L'Avana 1954). Autore versatile e assai dotato, fu dapprima seguace della poesia pura (Júbilo y fuga, 1931), in seguito coltivò temi e ritmi della poesia afro-cubana (Cuaderno de poesía negra, 1934), e infine compose elegie d'ispirazione religiosa (Sabor eterno, 1939; Nuestra Señora del mar, 1943). Nel 1935 pubblicò un'Antología de la poesía negra hispanoamericana (ampliata e ripubblicata nel 1946 con il titolo Mapa de la poesía negra americana), che rivelò l'importanza dei poeti neri dell'America Latina. Ballagas scrisse anche due volumi di critica: Pasión y muerte del futurismo (1935) e La herencia viva de Tagore (1942; L'eredità viva di Tagore). La sua produzione poetica è stata pubblicata nel 1955 (Obra poética).

Media


Non sono presenti media correlati