Questo sito contribuisce alla audience di

Baratièri, Orèste

generale (Condino, Trento, 1841-Vipiteno 1901). Arruolatosi a diciotto anni tra i Mille, combatté in Sicilia e nell'Italia meridionale guadagnandosi il grado di capitano, che gli fu confermato nel 1872 allorché entrò nell'esercito regolare. Colonnello dal 1885, combatté in Eritrea divenendo in seguito (1891) comandante in capo delle truppe italiane in Africa e (1892) governatore dell'Eritrea. Nel 1896, sconfitto ad Adua, fu deferito alla corte militare dell'Asmara che lo prosciolse per inesistenza di reato. Abbandonata la carriera militare, lavorò alle sue Memorie d'Africa 1892-1896 (1898).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti