Questo sito contribuisce alla audience di

Barbarigo

famiglia veneziana di nuova nobiltà, resa famosa da dogi, diplomatici e illustri uomini di chiesa. Oltre a Gregorio, santo, tra essi si ricordano: Marco (Venezia ca. 1413-1486), procuratore di Venezia, eletto doge (1485) poco prima di morire, e suo fratello Agostino; Agostino (1514-1571), ambasciatore in Spagna (1560) e provveditore generale “da mar” (1570), morto eroicamente nella battaglia di Lepanto; Marcantonio (Venezia 1640-Montefiascone 1706), arcivescovo di Corfù (1678), cardinale (1686) e vescovo di Montefiascone e Corneto (1687); Giovan Francesco (Venezia 1658-Padova 1730), nipote di San Gregorio, vescovo di Verona (1698), Brescia (1714), Padova (1723) e cardinale dal 1719.

Raccolta Barbarigo

I membri della famiglia furono per tradizione amatori d'arte, costituendo un'importantissima collezione di autori prevalentemente veneti. Acquistata nel 1850 dallo zar Nicola I di Russia, la raccolta fa ora parte dell'Ermitage di San Pietroburgo.

Media


Non sono presenti media correlati