Questo sito contribuisce alla audience di

Barbato da Sulmóna

letterato italiano (m. 1363). Seguì la carriera burocratica presso la corte angioina: nel 1342 fu nominato segretario regio. Il suo nome è legato all'amicizia con il Petrarca, che gli dedicò 22 epistole, e con il Boccaccio, che scambiò con lui alcune lettere. Della sua produzione ci restano un commento all'epistola petrarchesca Iantandem e due epigrammi.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti