Questo sito contribuisce alla audience di

Baschi (etnologia)

gruppo etnico europeo originario dei Pirenei occidentali, oggi diffuso anche in Spagna (Province Basche, Navarra) e in piccola parte in Francia. È reputato uno dei gruppi arcaici più caratteristici d'Europa, probabilmente discendente dalle più antiche genti iberiche. I Baschi hanno in comune diversi caratteri morfologici, fra cui, in particolare, la testa, che è a volta bassa, e la faccia a triangolo (dalla fronte verso il mento caratteristicamente appuntito); tuttavia, oggi, non possono essere più considerati come una popolazione omogenea, in quanto gli abitanti del versante spagnolo presentano testa allungata (dolicocefalia) mentre quelli del versante francese hanno per lo più testa rotonda (brachicefalia). La loro cultura originaria è quella dei pastori seminomadi: famiglia patriarcale di costumi assai rigidi, con assoluta sottomissione della donna che, nelle feste popolari, danza in gruppi separati da quelli degli uomini; matrimonio che comporta la dote; permuta dei beni e mutualità del lavoro (residuo di antiche usanze collettiviste); oggetti e suppellettili di legno, spesso incisi con motivi ornamentali. Tipica l'abitazione nella quale alloggiava la grande famiglia: a un solo piano, realizzata in pietre e con tetto di legno con due spioventi, che sul retro aveva allegata la stalla (oggi esistono case a due o tre piani, con stalla a pianterreno). Del costume tradizionale, ancora usato, fanno parte il berretto (boina) portato inclinato sull'orecchio, per l'uomo, e il panno bianco per la testa (estalchi) per la donna. Assai diffuse le danze (sant, aurescu), alcuni passi delle quali sono passati nel linguaggio accademico (pas des Basques, sant des Basques), eseguite da provetti ballerini in pittoreschi costumi; fra i Baschi spagnoli prevalgono le pantomime guerresche (per esempio il Zortziko); pure diffusi i giochi di forza e destrezza, come il duello con il bastone, la lotta con i montoni, la pelota e le sfide poetali.

Media

Baschi.