Questo sito contribuisce alla audience di

Battàglia, Francésco

architetto italiano, appartenente a una famiglia attiva a Catania dalla seconda metà del sec. XVIII agli inizi del XIX. A Catania continuò il complesso del convento dei benedettini (1723), succedendo ad A. Amato, e ideò quello dell'Indirizzo (chiesa, monastero, botteghe); curò la sistemazione della piazza S. Filippo e costruì i palazzi Cilestri, Marletta, Misterbianco, Villaruel. Nel 1769, alla morte del Vaccarini, gli succedette nella direzione dei lavori dell'università. Collaborarono con lui i nipoti Carmelo, cui si devono lo scalone e la facciata della chiesa dei benedettini (1796-99) e la fronte del palazzo senatorio (1780), e Antonino, partecipe anche di lavori al porto di Catania.

Media


Non sono presenti media correlati