Questo sito contribuisce alla audience di

Baunèi

comune in provincia dell'Ogliastra, 480 m s.m., 216,45 km², 3886 ab. (baunesi), patrono: san Nicola di Bari (6 dicembre).

Centro dell'Ogliastra, situato sui rilievi calcarei della piana alluvionale di Tortolì. Sorto in una zona frequentata fin da epoche remotissime, nel sec. XI fece parte, all'interno del Giudicato di Cagliari, della curatoria dell'Ogliastra, che nel 1258 passò ai Visconti, giudici di Gallura, e quindi ai pisani. Conquistato dagli Aragonesi nel 1323, fu infeudato a Berengario Carroz e fece poi parte della Contea di Quirra (1363), eretta a marchesato nel 1603; passò ancora ad altri signori e tornò al demanio con l'abolizione dei feudi (1839).§ Nel paese sorge la secentesca parrocchiale di San Nicola di Bari che conserva una bella tela, raffigurante la Circoncisione (1601), opera di A. Lussu. Nella frazione di Santa Maria Navarrese sorgono la chiesetta omonima, risalente al sec. XI e, sulla costa, una torre di difesa spagnola (sec. XVI).§ L'economia si basa sull'allevamento bovino, ovino e caprino, favorito da estesi pascoli, sull'agricoltura (uva, olive, cereali e frutta), sull'edilizia e sulla lavorazione artigianale del legno e dei metalli. Un ruolo fondamentale ha il turismo balneare, con notevoli strutture ricettive e ricreative, ed escursionistico, con numerosi itinerari d'interesse naturalistico, archeologico ed etnologico; le rocce scoscese lungo la costa, inoltre, sono luogo ideale per l'arrampicata sportiva.

Media


Non sono presenti media correlati