Questo sito contribuisce alla audience di

Ben Barka al-Mahdī

uomo politico marocchino (Rabat 1920-Parigi 1965). Professore di matematica a Rabat tra il 1943 e il 1948, fu tra i membri fondatori del partito indipendentista Istiqlāl, da cui uscì nel 1959 per dar vita a una formazione politica, l'Unione nazionale delle forze popolari, a sfondo socialista e sostenuta dai sindacati. Costretto all'esilio dal 1963, svolse successivamente la sua attività di studioso e di politico a Parigi, capeggiando l'opposizione al regime monarchico e illiberale di Rabat. Nell'ottobre 1965 fu rapito a Parigi in circostanze misteriose che indussero la magistratura francese a spiccare addirittura un mandato di cattura internazionale contro il ministro degli Esteri marocchino Oufkir.

Media


Non sono presenti media correlati