Questo sito contribuisce alla audience di

Benedétto da Rovezzano

(Benedetto Grazzini). Scultore italiano (Pistoia 1474-Vallombrosa ca. 1554). Educatosi nell'ambiente degli scultori-decoratori della Versilia, ne rivela l'influenza nella prima opera certa, la Cantoria (1499) eseguita per la chiesa di S. Stefano a Genova in collaborazione con D. Benti. Fra il 1505 e il 1515 risiedette a Rovezzano, lavorando su commissioni fiorentine (arca sepolcrale di S. Giovanni Gualberto per S. Trinita, ora in S. Salvi; tomba del gonfaloniere Pier Soderini per il Carmine) e francesi (tomba di Luigi XII, eseguita per la chiesa dei Celestini a Parigi e trasportata poi nell'abbazia di St.-Denis). Si recò poi in Inghilterra, dove lavorò alla tomba del cardinale Wolsey, della quale rimane soltanto il sarcofago, in cui riposa Nelson (Londra, S. Paolo). Decoratore fantasioso, inventò motivi nuovi e rinnovò quelli della tradizione classica.

Media


Non sono presenti media correlati