Questo sito contribuisce alla audience di

Benigni, Robèrto

attore e regista cinematografico italiano (Castiglion Fiorentino, Arezzo, 1952). Dopo l'esordio in teatro con il monologo Cioni Mario di Gaspare fu Giulio, Benigni ha raggiunto la notorietà grazie alla trasmissione televisiva L'altra domenica (1977). Come attore ha lavorato in Berlinguer ti voglio bene (1977) di G. Bertolucci, Chiedo asilo (1979) di M. Ferreri, Il pap'occhio (1981) di R. Arbore. Regista-interprete di Tu mi turbi (1982), Non ci resta che piangere (1984), Il piccolo diavolo (1989), Johnny Stecchino (1991), Il mostro (1994), protagonista di numerosi film – da Daunbailò (1986) e Taxisti di notte (1991) dell'americano J. Jarmush a La voce della luna (1989) di F. Fellini, da Il figlio della Pantera rosa di B. Edwards (1993) ad Asterix di C. Zidì (1999), tratto dall'omonimo fumetto di R. Goscinny e A. Uderzo – è stato narratore d'eccezione nell'esecuzione di Pierino e il lupo di S. Prokofev, diretta da C. Abbado nel 1990. Con La vita è bella (1997), di cui è regista e interprete e in cui, pur senza rinunciare alla sua vena comica, affronta un tema drammatico come la persecuzione nazista, Benigni ha conquistato la platea mondiale, aggiudicandosi nel 1999, primo nella storia della cinematografia italiana, l'Oscar come migliore attore protagonista. Il film, alla cui sceneggiatura ha lavorato V. Cerami, ha ricevuto altri due Oscar: come migliore film straniero e per la migliore colonna sonora. Nel 2002, sempre con il contributo di Cerami, ha realizzato la sua versione cinematografica del capolavoro di C. Collodi Pinocchio. Nel 2005 ha diretto La tigre e la neve, film sull'amore, ambientato in Iraq, con cui, nel 2006, ha vinto il Nastro d'Argento come "miglior soggetto originale". Dopo L'ultimo del Paradiso, lettura e commento del XXXIII canto del Paradiso di D. Alighieri, andato in onda sulla RAI nel 2002, Benigni, nel 2007, torna in televisione con Il Quinto dell'Inferno, canto dedicato all'immortale amore tra Paolo e Francesca e collegato al tour Tutto Dante (2006) in cui Benigni ha recitato tredici canti della Divina Commedia.

Media


Non sono presenti media correlati