Questo sito contribuisce alla audience di

Benvenuto, Giórgio

sindacalista e uomo politico italiano (Gaeta 1937). Laureato in legge. Membro del Partito Socialista, è stato alla guida della UILM dal 1964 al 1968, segretario confederale della UIL (1968) e segretario generale dei metalmeccanici dal 1969 al 1976. Nel 1976 è divenuto segretario generale della UIL. Questa, con la sua segreteria, si è caratterizzata sempre più come la confederazione sindacale di ispirazione laica e riformista, che ha tentato di costruirsi un'identità particolare attraverso una più chiara assunzione di responsabilità in politica economica e un deciso abbandono dell'azione sindacale “dogmaticamente antagonista, velleitaria e minoritaria”. In qualità di segretario generale della UIL, Benvenuto ha indirizzato la sua azione espandendo l'iniziativa sindacale anche sui terreni meno tradizionali della difesa dei diritti del cittadino. Abbandonato il sindacato in seguito alla nomina a segretario generale del Ministero delle Finanze (1992), nel 1993, per pochi mesi, ha assunto la guida di un PSI profondamente in crisi per le inchieste giudiziarie che ne hanno posto sotto accusa il gruppo dirigente. Eletto deputato in occasione delle elezioni politiche del 1996 sotto la bandiera dell'Ulivo, approdato poi al gruppo parlamentare dei Democratici di Sinistra, nel 1998 è divenuto presidente della Commissione Finanze e, nel 1999, con il governo D'Alema, di nuovo segretario generale del Ministero delle Finanze. Nel 2006 è diventato senatore eletto nelle liste dei DS.

Media


Non sono presenti media correlati