Questo sito contribuisce alla audience di

Berenguer y Fusté, Dámaso

militare e uomo politico spagnolo (Cuba 1873-Madrid 1953). Fece una brillante carriera militare a Cuba e nel Marocco; nominato alto commissario al Marocco (1920) e coinvolto nel disastro di Anoual (1921), venne destituito e condannato. Durante la dittatura di Primo de Rivera gli furono restituiti grado e onori. Nel 1930, alla caduta del dittatore, Berenguer y Fusté lo sostituì come capo del governo. Si dimise dopo tredici mesi, incapace di far fronte ai gravi avvenimenti che dovevano portare alla nascita della repubblica (aprile 1931), al cui avvento fu processato e condannato per le fucilazioni di Jaca (1930). Amnistiato nel 1934, trascorse il resto della sua vita senza più occuparsi attivamente di politica.

Media


Non sono presenti media correlati