Questo sito contribuisce alla audience di

Berija, Lavrentij Pavlovič

uomo politico sovietico (? 1899-Mosca 1953). Georgiano di nascita, dopo aver partecipato alla rivoluzione, nel 1938 fu messo a capo della NKVD (la polizia politica); godette a lungo della fiducia di Stalin, fu vicepresidente del Consiglio dei Ministri e ministro dell'Interno (1953). Nel marzo del 1953, alla morte di Stalin, era uno dei quattro membri del Consiglio ristretto; destituito in luglio, fu processato per alto tradimento e fucilato nel dicembre dello stesso anno.

Media


Non sono presenti media correlati