Questo sito contribuisce alla audience di

Berlino, Congrèsso di-

incontro tenutosi a Berlino (giugno-luglio 1878) per iniziativa di Bismarck, con la Germania ufficialmente in veste di “onesta mediatrice”, ma in realtà interessata a bloccare l'avanzata russa nei Balcani. Con questo congresso le nazioni europee imposero alla Russia una revisione del Trattato di Santo Stefano (marzo 1878) con la Turchia. La Bulgaria, pur diventando sostanzialmente indipendente, ricevette un territorio molto più ridotto e la Bosnia-Erzegovina fu posta sotto l'occupazione e l'amministrazione dell'Austria-Ungheria, che ottenne la separazione territoriale della Serbia dal Montenegro. Venne anche formalmente suggellata l'indipendenza della Serbia e della Romania e fu decisa la cessione alla Russia di alcune aree dell'Asia Minore da parte della Turchia, alla quale fu intimato l'obbligo alla tolleranza religiosa in tutto l'Impero Ottomano. Si stabilì infine una supervisione internazionale della navigazione sul Danubio. Nel tentativo di arginare il declino della dominazione turca nei Balcani, il Congresso creò le premesse per un crescente antagonismo fra Russia e Austria-Ungheria.

Media

Congresso di Berlino