Questo sito contribuisce alla audience di

Bettelheim, Bruno

psichiatra e psicanalista statunitense di origine austriaca (Vienna 1903-Silver Spring, Maryland, 1990). Svolse gli studi universitari a Vienna; durante le persecuzioni razziali, dal 1938 al 1939, fu prigioniero nei campi di concentramento di Dachau e Buchenwald dove annotò pensieri e comportamenti suoi e degli altri internati. Questi appunti gli permisero di analizzare la lenta distruzione psicologica dell'individualità e della personalità realizzata nei campi di concentramento. Liberato fortunosamente, nel 1939 emigrò negli Stati Uniti dove si occupò di psicologia dell'età evolutiva e in particolare di autismo infantile, dirigendo per oltre trent'anni la Orthogenic School per bambini psicotici dell'Università di Chicago. Il difficile obiettivo del suo lavoro era quello di offrire al bambino autistico un ambiente e delle esperienze di vita in grado di ridurne l'isolamento emotivo e aiutarlo a sviluppare la propria personalità. Tra i suoi scritti si ricordano: Love Is not Enough (1950; L'amore non basta), The Empty Fortress (traduzione italiana 1976; La fortezza vuota) e The Children of the Dream (traduzione italiana 1977; I figli del sogno), sugli effetti psicologici dell'allevamento comunitario dei bambini nei kibbutzim israeliani e La Vienna di Freud (1990).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti