Questo sito contribuisce alla audience di

Bettini, Pompèo

poeta italiano (Verona 1862-Milano 1896). Autodidatta, correttore di bozze, fu socialista fervente: collaboratore del La Critica Sociale, tradusse per primo in italiano il Manifesto del Partito Comunista (1892). Le sue Poesie (postume, 1897), nelle quali si sono riconosciute anticipazioni della tematica crepuscolare ed ermetica, sono dominate da un'angoscia esistenziale. Bettini compose anche un dramma pacifista di ambiente risorgimentale, I vincitori (1896), in collaborazione con E. Albini, che ne curò poi la versione in dialetto milanese (La guèra, 1901).

Media


Non sono presenti media correlati