Questo sito contribuisce alla audience di

Bildungsroman

sm. tedesco (romanzo di formazione). Genere di romanzo che ha avuto particolare fortuna nel mondo tedesco. Viene detto anche Entwicklungsroman (romanzo di evoluzione) o Erziehungsroman (romanzo pedagogico). È un racconto particolareggiato della giovinezza o dell'intera vita di un personaggio, che attraverso una moltitudine di vicende, esteriori o intime, giunge a una maturità completa, a essere quel che veramente la natura (o la Provvidenza o il destino) lo ha chiamato a essere. Di solito si fa cominciare la storia del Bildungsroman moderno dal Guglielmo Meister di Goethe, cui si possono affiancare altri romanzi comparsi verso la fine del Settecento e i primi dell'Ottocento, come lo Heinrich von Ofterdingen (Enrico di Ofterdingen) di Novalis e Ahnung und Gegenwart (Presentimento e presenza) di Eichendorff. Ma il concetto informatore si allargò e si giunse a comprendere nell'ambito del genere anche il Simplicissimus di Grimmelshausen e più lontano nei secoli e fuori della Germania perfino la Divina Commedia. Il che dimostra il successo dell'impostazione di questi romanzi, di cui si trovano tracce in tutto l'Ottocento: Der Grüne Heinrich (Enrico il Verde) di G. Keller, Der Nachsommer (L'estate di S. Martino) di A. Stifter, Der Hungerpastor (Il pastore della fame) di W. Raabe su su fino al Novecento, col Doktor Faustus di Th. Mann e il Das Glasperlenspiel (Il gioco delle perle di vetro) di H. Hesse, per non citare che i maggiori. Era naturale che questa forma di romanzo avesse nella maggior parte dei casi un sottofondo autobiografico, quando esso non era addirittura narrato in prima persona, e un fine educativo talvolta troppo scoperto.

Media


Non sono presenti media correlati