Questo sito contribuisce alla audience di

Biringùccio, Vannòccio

chimico e metallurgista (Siena 1480-Roma 1539). Si occupò specialmente di ricerche minerarie e di fonderia al servizio della Repubblica Fiorentina, per la quale fuse il famoso cannone Lionfante, e dello Stato Pontificio. Raccolse quanto aveva visto e sperimentato direttamente nel trattato in 10 libri Pyrotecnia, pubblicato postumo a Venezia nel 1540. Nell'opera sono descritti, per la prima volta in modo organico, le tecniche di estrazione dei minerali, i metodi di analisi dei metalli, i procedimenti di fusione e di getto. Il trattato ebbe fondamentale importanza per la sua epoca e nei tre secoli successivi.

Media


Non sono presenti media correlati