Questo sito contribuisce alla audience di

Birmingham (Gran Bretagna)

Guarda l'indice

città e capoluogo della contea metropolitana di West Midlands (Inghilterra, Regno Unito), 229 m s.m., 977.091 ab. (2001).

Generalità

Situata nelle West Midlands al centro di una vasta conurbazione comprendente anche i centri di Wolverhampton, Walsall, Sutton Coldfield, Dudley e West Bromwich. Lo sviluppo urbanistico avvenne a partire dal sec. XVI, intensificandosi nell'Ottocento, intorno al nucleo originario (con una sola importante ramificazione verso NW), con un alternarsi di industrie e quartieri popolari squallidi e malsani (slums). Dopo il 1870 si ebbe la formazione di città satelliti intorno agli insediamenti industriali. In una terza fase andarono riempiendosi gli spazi tra i vari insediamenti industriali, con la formazione di quartieri residenziali periferici e con la saldatura completa tra il centro e l'hinterland in un unico grande complesso metropolitano. Nel 2001, seguendo un progetto di riqualificazione dei quartieri orientali della città, è stato inaugurato il Millenium Point, enorme complesso che comprende il Thinktank (museo di scienza e tecnologia), un centro di ricerca e di innovazione tecnologica, un'università e una vasta area di uffici e servizi. La città è un notevole centro culturale, sede di due università (Università di Birmingham, fondata nel 1900; Università di Aston, fondata nel 1966), di istituzioni educative, di musei, di biblioteche, di un giardino botanico (Edgbaston) e della più antica scuola pubblica inglese, fondata nel 1552 da Edoardo VI. Birmingham è collegata, tramite il canale omonimo, ai canali di Trent e Mersey. Vi nacquero il pittore Edward Burne-Jones (1833-1898) e l'antropologo Alfred Reginald Radcliffe Brown (1881-1955).

Storia

Sorta in epoca medievale su un antico insediamento romano, fu un modesto centro agricolo e commerciale fino al sec. XVI, quando in seguito allo sfruttamento delle miniere di ferro della regione vi nacque un'importante industria siderurgica. La città ebbe una certa notorietà durante la guerra civile, quando produsse armi per le forze di Cromwell e fu per questo punita con il saccheggio dai realisti (1643). Nella seconda metà del Settecento vi si sviluppò tra i protestanti un movimento politico e culturale di tendenze liberali e repubblicane guidato dal filosofo e scienziato J. Priestley, i cui membri ebbero le proprietà devastate nel corso di un violento tumulto (detto di “Chiesa e Re”) scatenato dai tradizionalisti nel luglio 1791. Nel 1832 Birmingham ebbe parte attiva a favore del Reform Bill e nel 1839 fu scossa dai moti cartisti. Lo sfruttamento del carbone, avviato nel sec. XVIII, diede un ulteriore impulso allo sviluppo industriale della città, la quale, situata al limite di un vasto bacino minerario (Black Country), diventò uno dei maggiori centri siderurgici del mondo. Durante la seconda guerra mondiale fu sottoposta a massicci bombardamenti aerei tedeschi.

Arte

La cattedrale barocca di Saint Philip (1711-19 con aggiunte ottocentesche) venne eretta da Th. Archer, mentre numerosi edifici neogotici e neoclassici furono costruiti fra i sec. XVIII e XIX (biblioteca, 1798; palazzo della Società delle Arti; teatro; giardini di Vauxhall; cattedrale cattolica di Saint Chad, di A. W. Pugin, 1839; Town Hall di J. A. Hansom, 1833). Nella seconda metà dell'Ottocento Birmingham fu centro del movimento preraffaellita e nella chiesa di Saint Martin e nella cattedrale si conservano vetrate di Edward Burne-Jones. Opere di Burne-Jones e di altri preraffaelliti (W. Morris, D. G. Rossetti, J. Everett Millais, F. Madox-Brown) si trovano al Museum and Art Gallery (fondato nel 1885), che conserva inoltre opere di pittura (Simone Martini, Guercino, P. Christus, Murillo, ecc.), di arte pre-colombiana e dell'antico Egitto, vetrate, ceramiche e argenti. Dal Museum and Art Gallery dipende anche la Aston Hall, costruita nel 1618-35 per Thomas Holte, con mobili antichi, arazzi e pittura inglese fino al sec. XVIII. Il Barber Institute of Fine Arts dispone di una notevole collezione di disegni, stampe, monete, dipinti e sculture (Botticelli, Veronese, Ingres, Rodin, Monet, Matisse, Schiele). La Blakesly Hall è una casa rurale del 1590, accuratamente restaurata nel 2002 e arredata con mobili del tardo periodo Stuart e Tudor. § Nel mondo dello spettacolo va ricordata l'attività del piccolo Birmingham Repertory Theatre, fondato nel 1913 da Barry Jackson per un repertorio d'impegno (la prima mondiale di Torniamo a Matusalemme di Shaw e alcuni testi shakespeariani con allestimenti moderni). Consolidato in seguito dall'appoggio di organismi civici e dell'università, esso è tuttora importante per livello di messinscene e qualità di repertorio, oltre che come palestra per giovani attori in formazione (ruolo che ebbe per molti grandi interpreti, da L. Olivier ad A. Finney).

Economia

Per diversi secoli uno dei maggiori centri siderurgici al mondo, per l'esaurirsi dei giacimenti minerari la città ha riconvertito negli ultimi decenni la propria economia, che oggi si basa principalmente sui servizi finanziari, commerciali e turistici. Moderne strutture ne fanno un attrezzato centro di fiere e convegni. L'industria svolge ancora un ruolo importante, soprattutto nei comparti metallurgico, automobilistico e delle armi, ma anche in quelli meccanico, elettrotecnico, chimico, della gomma, dell'oreficeria, alimentare, vetrario, cartario, grafico e dell'abbigliamento. Aeroporto internazionale (Elmdon).