Questo sito contribuisce alla audience di

Boemóndo VII

principe titolare di Antiochia e conte di Tripoli (ca. 1260- 1287). Figlio di Boemondo VI, gli succedette sotto la reggenza della madre Sibilla d'Armenia e la protezione di Leone III, re della Piccola Armenia. Durante il suo governo personale (dal 1277), subì il predominio angioino e logorò le proprie forze in lotte interne, condotte con estrema spregiudicatezza. Alla sua morte, Tripoli dichiarò decaduta la dinastia comitale, rifiutandosi di riconoscere il potere sia alla sorella di Boemondo VII, Lucia, sia alla madre Sibilla e costituendosi a libero comune; ma due anni dopo fu conquistata dal sultano mamelucco Qalaun (1289).

Media


Non sono presenti media correlati