Questo sito contribuisce alla audience di

Bofarull i de Brocá, Antoni de-

storico, letterato, poeta e filologo catalano (Reus 1821-Barcellona 1892). Fu assiduo collaboratore del Diario de Barcelona e di El sol. Con i suoi articoli e in un celebre discorso (pronunciato il 1º maggio 1859) difese i valori della cultura e della lingua catalane. Al rinascimento catalano contribuì anche restaurando e dirigendo, con Rubió i Ors, i “giochi floreali” di poesia (1859); pubblicando l'antologia di poeti contemporanei Els trobadors nous (1858); scrivendo versi romantici e un romanzo storico alla Walter Scott (L'orfeneta de Menargues o Catalunya agonitzant, 1862). In spagnolo scrisse drammi di argomento storico catalano (quali Pedro el Católico, rey de Aragón, 1842; Roger de Flor o el manto del templario, 1844) e alcune opere storiografiche che costituiscono la parte più valida della sua produzione. Importanti, in particolare, sono Hazañas y recuerdos de los Catalanes (1876), Historia crítica civil y eclesiástica de Cataluña (9 vol.; 1878) e Crónica catalana de Ramón Muntáner, guerrero y cronista (1883).

Media


Non sono presenti media correlati