Questo sito contribuisce alla audience di

Bolliac, Cezar

poeta e uomo politico romeno (1813-1881). Fu a fianco di Bălcescu durante i moti del 1848, il cui insuccesso lo costrinse a rifugiarsi a Parigi, dove svolse una prodigiosa attività a sostegno della causa romena. Dopo l'Unione dei Principati attuò una politica di riforme (legge agraria) e appoggiò il principe A. Cuza, attraverso giornali (1862-65). Oltre che alla politica, si dedicò all'archeologia (Viaggio archeologico in Romania, 1861). Poeta di forte impegno sociale, pur entro gli schemi romantici, ha sperimentato forme strofiche nuove (Meditazioni, 1835; Poesie nuove, 1847; Poesie. La rinascita della Romania, 1857).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti