Questo sito contribuisce alla audience di

Bompensière

comune in provincia di Caltanissetta (37 km), 282 m s.m., 19,74 km², 677 ab. (bompensierini), patrono: Santissimo Crocifisso (quarta domenica di settembre).

Centro posto nella regione collinare tra i fiumi Platani e Imera Meridionale. La sua fondazione risale al 1630, a opera di don Ottavio Lanza, che lo incluse nel feudo di Nadure, compreso nella baronia di Mussomeli, appartenuta ai Chiaramonte. Fino all'abolizione del regime feudale appartenne alla famiglia Lanza.L'impianto urbanistico, risalente al Seicento, è a scacchiera. La chiesa madre (sec. XVII), intitolata al Santissimo Crocifisso, ha subito vari rimaneggiamenti soprattutto nella facciata.§ L'economia è in prevalenza basata sull'agricoltura, i cui prodotti principali sono grano, orzo, uva, frutta, liquirizia, arachidi e mandorle, e sull'allevamento di ovini, bovini ed equini. È attiva una fornace per la cottura del gesso.

Media


Non sono presenti media correlati