Questo sito contribuisce alla audience di

Bonaventura

protagonista di Die Nachtwachen des Bonaventura (Le veglie di Bonaventura), operetta tra le più curiose del Romanticismo tedesco, apparsa anonima nel 1804 e attribuita a Schelling, poi a Hoffmann, a Brentano e infine a Wetzel, per il suo doppio carattere magico-filosofico. In 16 sequenze in prosa il guardiano notturno Bonaventura ci dà altrettante visioni frammentarie e deformate del mondo immerso nella notte, in cui tempo e spazio non sono più che categorie concettuali dell'Io e il sogno, svuotato della coscienza, suscita brivido e ironia.

Media


Non sono presenti media correlati