Questo sito contribuisce alla audience di

Borgolavezzaro

comune in provincia di Novara (16 km), 118 m s.m., 21,21 km², 1879 ab. (borghigiani), patrono: santa Giuliana (16 febbraio).

Centro della bassa pianura novarese, situato alla sinistra del torrente Agogna. Di probabile origine romana, corrisponde forse all'antica Lapidaria.. È nominato negli statuti novaresi del sec. XIII. Nel 1358 fu tra i paesi devastati da Galeazzo Visconti II. Nel 1449 i Visconti lo diedero in feudo ai Caccia, cui rimase fino al 1563. Dal 1621 al 1775 ne furono investiti i Casati di Milano. Per designazione di Carlo Emanuele III passò poi ai Tornielli. § Il principale monumento del paese è la parrocchiale dei Santi Bartolomeo e Gaudenzio, ricostruita nel 1858-62 su disegno di Alessandro Antonelli in stile neoclassico (il campanile appartiene alla chiesa precedente). La chiesa della Madonna delle Grazie fu sede di un convento domenicano dal 1499 al 1657.§ L'economia si basa sull'agricoltura (cereali, fra cui soprattutto riso, e foraggi) e sull'industria, attiva nei settori tessile, meccanico, del mobile e della lavorazione delle materie plastiche. Si praticano l'allevamento bovino e quello di cani di razza e di fagiani.

Media


Non sono presenti media correlati