Questo sito contribuisce alla audience di

Boscán Almogáver, Juan

poeta spagnolo (Barcellona ca. 1490-1542). Ebbe un'educazione raffinata (fu probabilmente allievo dell'umanista italiano Lucio Marineo Siculo). Fece parte delle corti di re Ferdinando il Cattolico e di Carlo V; partecipò alla spedizione inviata in soccorso di Rodi assediata dai Turchi (1522); fu precettore di Fernando Álvarez de Toledo, duca d'Alba. Ebbe amici i maggiori letterati del tempo, da Baldassarre Castiglione (il cui Cortegiano tradusse in ottima prosa castigliana) a Garcilaso de la Vega. L'opera poetica di Boscán Almogáver (pubblicata postuma dalla moglie) è distribuita in tre libri: composizioni nei metri tradizionali castigliani; poesie in metri nuovi, ossia italiani (sonetti, canzoni, terzine), imitazioni del Petrarca e del poeta catalano Ausias March; poemi più lunghi, ossia una Epístola a Mendoza (Diego Hurtado, il presunto autore del Lazarillo de Tormes), un'allegorica Octava rima, derivata dalle Stanze del Bembo, e una Historia de Hero y Leandro, imitazione del poemetto di Museo attraverso la parafrasi di Bernardo Tasso. Il merito principale di Boscán Almogáver, poeta colto e sensibile, consiste nell'aver introdotto i metri italiani nella poesia castigliana, fornendo in tal modo un nuovo strumento espressivo ai grandi poeti spagnoli del Rinascimento (Garcilaso de la Vega, Luis de León, Juan de la Cruz).

Media


Non sono presenti media correlati