Questo sito contribuisce alla audience di

Bowie, David

cantautore britannico, nome d'arte di David Robert Jones (Brixton, Londra 1947 - New York 2016). Attento sin dagli esordi discografici alla potenzialità del rock abbinato a immagini e travestimenti suggestivi, nel corso della sua lunga carriera ha percorso trasversalmente numerose strade musicali. Fra i suoi album più rappresentativi ricordiamo: Space Oddity (1969), The Man Who Sold the World (1971) Hunky Dory (1971), The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders from Mars (1972), "Heroes" (1977), che fa parte della cosiddetta trilogia di Berlino insieme a Low (1977) e Lodger (1979). Negli anni Ottanta Bowie si dedica anche alla recitazione teatrale e cinematografica e continua a pubblicare canzoni (Let's dance, China Girl) di grande successo. L'eclettismo di Bowie lo ha portato a formare, nel 1989, i Tin Machine, insieme a R. Gabrels (chitarra) e i fratelli Sales (Hunt, al basso e Tony alla batteria). Nel 1993, crea la colonna sonora del film The Buddha of Suburbia. Pioniere delle nuove tecnologie audio e video, nel 1994 ha realizzato il CD-rom Jump, mentre nel 1998 ha attivato un service provider che permette agli utenti Internet di conoscere e sperimentare multiformi espressioni artistiche. Dopo essere tornato alla musica di ricerca con Outside (1995), nel 1999 Bowie, con la collaborazione di R. Gabrels, ha pubblicato l'album 'hours...', caratterizzato dal recupero di temi e sonorità che avevano segnato i suoi anni Settanta. Tra le sue molteplici attività va ricordata anche quella cinematografica con Labyrith (1986) e Basquiat (1996) di J. Schnabel, in cui impersona A. Warhol, e nel 1997 la sua partecipazione al documentario di M. Apted Inspirations, un interessante lungometraggio in cui è portato sul grande schermo lo sforzo creativo di 7 grandi talenti della cultura contemporanea. Su tutt'altro fronte, nel 1998, Bowie ha partecipato a Il mio West, il curioso western di Giovanni Veronesi. Torna al successo musicale con gli album Reality (2003), The Next Day (2013) e Blackstar (2016), l'ultimo album prima della morte.

Media


Non sono presenti media correlati