Questo sito contribuisce alla audience di

Brème, Ludovico Arbòrio Gattinara dei marchési di-

letterato italiano (Torino 1780-1820). Ordinato sacerdote nel 1806, divenne cappellano del viceré Eugenio Beauharnais e poi consigliere di Stato del Regno d'Italia. Nel 1814 si ritirò a vita privata. Polemista geniale, si batté contro ogni forma di cultura reazionaria, provinciale, accademica e contro i classicisti censori di Madame de Staël. Con Borsieri e Pellico fondò il Conciliatore (1818-19), portavoce del romanticismo e del liberalismo milanese, e vi pubblicò vari articoli, prevalentemente di polemica antipurista. Spregiudicato e attento a quanto v'era di nuovo nella cultura d'oltralpe, ne conobbe personalmente, oltre alla Staël, le figure più rappresentative: S. Sismondi, A. W. Schlegel, G. Byron. Tra le sue opere si ricordano: Intorno all'ingiustizia di alcuni giudizi letterari italiani (1816), Postille all'Appendice ai cenni critici sulla poesia di C. G. Londonio (1818), Il Romitorio di Sant'Ida (postumo, 1961).

Media


Non sono presenti media correlati