Questo sito contribuisce alla audience di

Brink, André

scrittore sudafricano di lingua afrikaans e inglese (Vrede 1935-Città del Capo 2015). È romanziere potente, dal grande soffio lirico, nelle opere scritte in afrikaans e da lui tradotte poi in inglese, in cui esprime il rifiuto di ogni ideologia (apartheid o marxismo) che limiti la libertà dell'uomo e ne neghi la dignità. Ricordiamo: Looking on Darkness (1974; Guardando nel buio), An Instant in the Wind (1976; Un istante nel vento), Rumours of Rain (1978; Voci di pioggia), A Dry White Season (1979; Un'arida stagione bianca) da cui nel 1989 è stato tratto l'omonimo film, A Chain of Voices (1982; Una catena di voci), The Wall of the Plague (1984; Il muro della peste), The Ambassador (1985; L'ambasciatore), States of Emergency (1988; Stati d'emergenza), An Act of Terror (1991; Un atto di terrore). Dopo un periodo di silenzio dovuto alla difficile situazione del suo Paese, riprende la sua attività di romanziere nel 1993, con The First Life of Adamastor (La prima vita di Adamastor), seguito, nel 1996, da Imaginigs of Sand (La polvere dei sogni), metafora della complessa storia dell'intero Sudafrica e della difficoltà di riscriverne il leggendario passato alla luce di un nuovo e incerto presente. Brink è inoltre autore del saggio Mapmakers: Writing in a State of Siege (1983; Cartografi: scrivere in stato d'assedio).

Media


Non sono presenti media correlati