Questo sito contribuisce alla audience di

British Petroleum Company

(BP), società del settore petrolifero britannica, tra le massime potenze mondiali del petrolio. È sorto nel 1954 in seguito alla nazionalizzazione, avvenuta nel 1951, dell'Anglo-Iranian Oil Company da parte del governo persiano. Dopo un periodo di interruzione, lo sfruttamento delle ricche risorse petrolifere iraniane sono state riprese, nel 1954, da un gruppo internazionale, denominato BP, formato dall'ex Anglo-Iranian, da cinque compagnie statunitensi, dalla compagnia anglo-olandese Royal-Dutch/Shell e, infine, dalla Compagnie Française des Pétroles. Dopo aver avuto, nel 1968, una parte importante nella scoperta di vasti giacimenti in Alaska, nel 1969 ha acquisito il controllo della Standard Oil dell'Ohio. La BP che è la terza maggiore compagnia petrolifera del mondo, ha venduto pressoché interamente le attività non petrolifere. Nel 1993 ha siglato un accordo con la Petróleos de Venezuela per lo sfruttamento di giacimenti nella parte orientale del Venezuela e ha dato l'avvio a un progetto con la Royal Dutch/Shell Group per la costruzione di una piattaforma nel Golfo del Messico di cui la BP è proprietaria al 28,5%. L'anno seguente è entrata a far parte di un consorzio di 10 compagnie a cui è stato concesso lo sfruttamento petrolifero nel Mar Caspio. Inoltre è stata prevista un'attività di ricerca e produzione petrolifera in una vasta area dell'Oceano Atlantico nei pressi delle isole Shetland. Nel 1996 ha concluso un accordo per la fusione con la Mobil Corporation (ora Exxon Mobil) delle attività europee di raffinazione, produzione di benzina e di gestione delle stazioni di servizio. Nel settembre del 1998 ha acquistato l'americana Amoco, diventando una delle compagnie petrolifere più importanti del mondo con capacità d'estrazione estesa su cinque continenti. Nel 2000 BP Amoco ha comprato l'azienda petrolifera Arco (Atlantic Richfield Oil Corporation). Nel 2010 una piattaforma gestita dalla BP, inseguito a una esplosione, è affondata, rilasciando nel Golfo del Messico, vicino alle coste della Luisiana, tonnellate di greggio e causando un disastro ambientale molto grave. Nel 2012 il dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha imposto il pagamento di una multa di 4,5 miliardi di dollari.

Media


Non sono presenti media correlati