Questo sito contribuisce alla audience di

Brosse, Salomon de-

architetto francese (Verneuil-sur-Oise 1571-Parigi 1626). Successore del prozio Jacques I du Cerceau nella carica di architecte du roi di Enrico IV e Maria de' Medici (1614), è considerato il promotore del classicismo barocco francese per la sobria proporzionalità delle masse, le innovazioni tipologiche e il rigore stilistico dei suoi edifici. Tra le sue opere principali: il palazzo del Lussemburgo a Parigi (1615-24) , uno dei primi esempi di hôtel particulier, caratterizzato dalla pianta ad H (sul padiglione centrale si organizzano assialmente le basse ali laterali cingenti la cour d'honneur), in cui vengono rielaborati temi manieristici di De l'Orme e del fiorentino palazzo Pitti; la facciata della chiesa di St. Gervais a Parigi (1616-21) in cui, rifacendosi al modello della chiesa romana del Gesù, propone per la prima volta in Francia il tema classico dei tre ordini sovrapposti; il palazzo del Parlamento di Bretagna a Rennes (1618), impostato su un pianterreno bugnato; il tempio degli Ugonotti a Charenton (1623; distrutto) che, con la sua unica navata e doppio ordine di gallerie, divenne il prototipo di molte chiese protestanti inglesi e americane. Gli viene anche attribuito il castello di Blérancourt (ca. 1614) con le innovatrici soluzioni del corp-de-logis centrale fiancheggiato da quattro padiglioni e delle cupole a padiglione su base quadrata, che ebbero in seguito molta fortuna.

Bibliografia

A. Pannier, Salomon de Brosse, Parigi, 1911; J. P. Babelon, Documents inédits concernant Salomon de Brosse, Parigi, 1962; J. Quentin Hughes, N. Lynton, Renaissance Architecture, Londra, 1962.

Media

Salomon de Brosse.