Questo sito contribuisce alla audience di

Budai-Deleanu, Ion

poeta romeno (forse Cigmău ca. 1760-Lwow 1820). Nato nella provincia di Hunedoara, studiò presso il Seminario teologico di Blaj e poi nel Collegio di S. Barbara a Vienna, dove conobbe quelli che saranno, con lui, gli esponenti della scuola latinista transilvana (divenendo amico soprattutto di Petru Maior), e venne a contatto con l'ideologia illuminista. Rientrato in patria, fu insegnante a Blaj, finché, per contrasti col vescovo, fu costretto a partire. Si stabilì allora aLwow, dove fu segretario presso il tribunale imperiale e dove scrisse quasi tutte le sue opere. Come tutti i latinisti transilvani, Budai-Deleanu si impegnò a dimostrare scientificamente le origini romanze della lingua e del popolo romeni con una serie di lavori, rimasti inediti fino ai nostri giorni (Fundamenta grammatices linguae romaenicae, Lessico romeno-tedesco e tedesco-romeno). Ma Budai-Deleanu fu in primo luogo poeta: dedicò tutta la vita all'elaborazione di un poema eroicomico (rimasto anch'esso manoscritto fino alla fine dell'Ottocento), Zingareide, che, pur ispirato nella struttura formale ai grandi modelli della classicità e del Rinascimento italiano, è un'opera originale. Ambientando l'azione nella Muntenia del sec. XV, l'autore nascose sotto forma allegorica riferimenti a situazioni contemporanee, colpendo le strutture ancora feudali, i boiari avidi, il clero corrotto e ipocrita. Da un episodio espunto dalla Zingareide Budai-Deleanu sviluppò un secondo poema (rimasto incompleto), I tre eroi, ispirato al Don Chisciotte.

Media


Non sono presenti media correlati