Questo sito contribuisce alla audience di

Buonalbèrgo

comune in provincia di Benevento (27 km), 555 m s.m., 25,07 km², 1938 ab. (buonalberghesi), patrono: san Nicola di Bari (6 dicembre).

Centro dell'Appennino Sannita, situato alle falde orientali del massiccio Palumbo. Sviluppatosi in età longobarda attorno al castello, venne potenziato sotto i Normanni diventando centro di una vasta contea. Con Carlo d'Angiò la contea fu divisa e Buonalbergo fu dato a Bartolomeo di Tocco; passò poi agli Shabran, ai Guevara e per poco tempo a Francesco Sforza (1417). Le frane distrussero il paese, che fu ricostruito più in alto (1525). § L'abitato fu gravemente danneggiato nel terremoto del 1980.Su uno sperone roccioso si ergono le rovine del castello longobardo (sec. VII), mentre a S del paese si trovano i resti del ponte romano detto “delle Chianche”, attraversato un tempo dalla via Traiana (della quale rimangono due pietre miliari). A S nella valle è la chiesetta della Madonna della Macchia (sec. XVII), che accoglie una Madonna lignea (sec. XII). § Comune tradizionalmente agricolo (cereali, foraggi, olive, uva, tabacco), conta anche su aziende artigianali attive nei settori calzaturiero e dell'abbigliamento.

Media


Non sono presenti media correlati