Questo sito contribuisce alla audience di

Cècrope

(greco Kékrops; latino Cecrops-ŏpis), primo dei re mitici di Atene, dalla doppia natura di uomo e di serpente. Gli si attribuiva la paternità di Erittonio e di Aglauro, Erse e Pandroso. Nella pittura vascolare e nella scultura è raffigurato sotto aspetto biforme, cioè con corpo d'uomo terminante in coda di serpente, in scene con la nascita di Erittonio (coppa attica del Pittore di Codro, da Tarquinia oggi a Berlino; cratere del Pittore di Talo, da Chiusi oggi a Palermo) e con la disputa tra Atena e Posidone per il predominio sull'Attica, ma compare anche con aspetto completamente umano e regale, semiammantato e con scettro. Aveva tomba e sacrario presso l'Eretteo in quanto semidivino.