Questo sito contribuisce alla audience di

Cabìlia

regione dell'Algeriasettentrionale compresa tra l'uadi Isser (a W) e l'uadi el-Kebir (a E) e divisa dall'uadi Soummam in Grande Cabilia (a W), culminante a 2308 m nel monte Djurdjura, e in Piccola Cabilia (a E) occupata dai monti Babor (2004 m). L'elevata piovosità che caratterizza questa zona consente colture di grano, orzo, tabacco, fichi (tra gli 800 e i 1300 m), querce da sughero e ulivi (a quote inferiori agli 850 m), praticate però con tecniche primitive. Rifugio di popolazioni berbere fin dall'epoca delle invasioni arabe, la Cabilia costituisce un'area etnica ben definita, in cui la parlata e gli usi berberi sono tenacemente conservati dallo spirito di indipendenza e dall'isolamento degli abitanti. In francese, Kabylie; in arabo, Bilād al-qabā'il.

Collegamenti