Questo sito contribuisce alla audience di

Cabezón, Antonio de-

organista e compositore spagnolo (presso Burgos 1510-Madrid 1566). Cieco dalla prima infanzia, fu dal 1526 al servizio dell'imperatrice Isabella e quindi musico di camera di Carlo V (dal 1539) e di Filippo II (dal 1548). Soggiorni in Italia, Germania, Paesi Bassi e Inghilterra lo avvicinarono alle correnti più significative della musica del suo tempo. Cabezon fu considerato il maggior esponente della musica organistica del sec. XVI per le sue 41 composizioni comprese nel Libro de Cifra Nueva para tecla, arpa y vihuela curato da Luys Venegas de Nenestrosa (1537) e i suoi 123 pezzi in Obras de musica para tecla, arpa y vihuela, pubblicata dal figlio Hernando (1578). Famosi soprattutto sono i suoi tientos (ricercari), nei quali una grande abilità contrappuntistica di origine vocale si unisce a una concezione estremamente originale della scrittura per strumento a tastiera. Organisti e compositori furono pure il fratello Juan e il figlio Hernando; Augustin, altro figlio, fu cantore.

Collegamenti