Questo sito contribuisce alla audience di

Cabral, Amílcar

patriota della Guinea Portoghese (isola del Capo Verde 1921-Conakry 1973). Al servizio dell'amministrazione coloniale della Guinea dal 1952 al 1954, diffidato per attività antiportoghese, passò poi in Angola. Qui, nel dicembre del 1956, fondò insieme al poeta e amico Agostinho Neto il Movimento Popolare per la Liberazione dell'Angola (MPLA). Qualche mese prima aveva dato vita al Partito Africano per l'Indipendenza della Guinea e del Capo Verde (PAIGC). Nel 1959 Cabral, rientrato definitivamente nel suo Paese, passò all'azione diretta contro il Portogallo con una lotta che gli consentì di stabilire il controllo su oltre due terzi del territorio, che fu organizzato dal PAIGC come “Guinea libera”. Il movimento di Cabral ebbe il riconoscimento e il sostegno dell'Organizzazione dell'Unità Africana (OUA) e raccolse larghi consensi in seno all'ONU Morì assassinato.