Questo sito contribuisce alla audience di

Cadoudal, Georges

capo della resistenza vandeana (Kerléano, Auray, 1771-Parigi 1804). Monarchico, nel 1793 si arruolò nell'esercito di Stofflet. Popolarissimo per la sua bravura e la sua audacia, fu dal 1795 uno dei capi degli Chouans. Nel gennaio 1800, vinto a Grandchamp dal generale Brune, dovette capitolare. Rifiutandosi di servire Bonaparte, si recò in Inghilterra dove il conte di Artois lo coprì di onori. Ritornato in Francia, fu sospettato di essere l'istigatore dell'attentato (noto come l'esplosione della macchina infernale) perpetrato il 24 dicembre 1800 contro Bonaparte, allora Primo Console, e dovette fuggire. Si rifugiò ancora in Inghilterra dove preparò il complotto, al quale furono associati Pichegru e Moreau, per rapire Napoleone. Sbarcò in Normandia il 21 agosto 1803, recandosi quindi a Parigi. Ricercato, riuscì a tenere in scacco la polizia per ben sette mesi; venne infine arrestato, condannato e ghigliottinato.