Questo sito contribuisce alla audience di

Calcòndila o Calcocòndila, Demètrio

filologo bizantino (Atene 1424-Milano 1511). Trascorse la maggior parte della sua vita esule in Italia. Apprezzato docente di greco a Perugia (1450-63) e poi a Padova (1463-71), nel 1472 succedette all'Argiropulo nella cattedra di Firenze; successivamente si trasferì a Milano, dove visse dal 1492 al 1511. Poliziano, Grocyn, Linacre, Reuchlin, Trissino furono i suoi discepoli più famosi. Fu amico di Bessarione. Scrisse le Interrogazioni, grammatica greca dialogata, e tradusse in latino gli opuscoli di Galeno. Curò inoltre l'editio princeps di Omero (1488), di Isocrate (1493) e della Suda (1499). Suo fratello o cugino Laonico fu un apprezzato storico bizantino.