Questo sito contribuisce alla audience di

Calzolari, Pièr Pàolo

pittore e scultore italiano (Bologna 1943). Diplomatosi all'Accademia di Belle Arti di Urbino, entra a far parte del gruppo dell'Arte Povera, riprendendone alcuni caratteri già tipici, come il neon o certi materiali vegetali morbidi, e introducendone altri del tutto originali (come la serpentina frigorifera: Scala, 1969), in sculture e dipinti in cui domina il tema della luce, da lui interpretata come emblema del sublime. Dagli inizi degli anni Settanta riprende la vena pittorica informale confrontandola di continuo con l'oggetto “povero” che però gradualmente abbandona a favore di una pittura gestuale dove prevale l'esplosione della materia. Tra le sue opere: Impazza angelo artista (1968; Vienna, Museo del XX secolo), Zero (1970; Parigi, Galleria Sonnabend), Rideau II (1984; collezione privata).