Questo sito contribuisce alla audience di

Cambridge, conti e duchi di-

sotto i re normanni e i primi Plantageneti, la contea di Cambridge fu unita a quella di Huntingdon. Come dignità separata la contea data dal 1340 ca., quando Guglielmo, conte e duca di Juliers, fu creato conte di Cambridge da Edoardo III; nel 1362, Edoardo creò il proprio figlio, Edmund Langley, conte di Cambridge, e il titolo fu in seguito accompagnato a quello di duca di York, concesso a Edmund nel 1385, dissociandosene solo per poco nel corso del sec. XV. Richard morendo (1460) li ritrasmise infatti entrambi al figlio Edward (il futuro Edoardo IV). Il titolo si estinse alla caduta della dinastia York. Nel 1619 Giacomo I creò conte di Cambridge il secondo marchese di Hamilton, James (m. 1625), che trasmise il titolo al figlio James (m. 1649) e questi a William (m. 1651), col quale il titolo si estinse per gli Hamilton. Fu poi concesso nel 1659 da Carlo II al fratello Enrico, duca di Gloucester, che però morì l'anno seguente. Giacomo (m. 1667) ed Edgar (m. 1671), figli entrambi di Giacomo II, ebbero il titolo di duchi di Cambridge, ma morirono bambini. Nel 1706 Giorgio Augusto, principe elettore di Hannover ed erede al trono d'Inghilterra, fu creato marchese e duca di Cambridge, titolo che gli venne meno quando fu incoronato re di Gran Bretagna e Irlanda (1727) come Giorgio II. Il titolo di duca di Cambridge fu ripristinato nel 1801 in favore di Adolfo Federico, figlio di Giorgio III.