Questo sito contribuisce alla audience di

Campagna Lùpia

comune in provincia di Venezia (31 km), 3 m s.m., 87,72 km², 6288 ab. (campagnalupiesi), patrono: san Pietro (29 giugno).

Centro situato presso la sponda occidentale della Laguna Veneta. Abitato già dai paleoveneti (il reperto più interessante è costituito da una barca neolitica trovata a Lova nel 1893 ed esposta al Museo Archeologico di Venezia), in epoca romana si sviluppò lungo il tracciato della via Popilia. Citato per la prima volta nell'829, fu donato da Berengario al vescovo di Padova; passò poi al comune (sec. XII) e alla famiglia dei Da Carrara (1318) della stessa città e infine a Venezia (1405). § La parrocchiale di San Pietro è del sec. XV e fu rimaneggiata nel XVIII. Fuori dell'abitato è la tardocinquecentesca villa Colonda-Marchesini. L'antica chiesa e la torre campanaria di Lugo costituiscono un pregevole esempio di architettura romanica (sec. XI-XII). Di origine romanica sono anche la chiesetta di Lova, con soffitto a cassettoni e una pala cinquecentesca, e la parrocchiale di Lughetto, che custodisce un crocifisso ligneo della fine del Trecento. All'interno dell'Oasi di Valle Averto si trova il Museo del Territorio, delle Valli e della Laguna di Venezia. § L'agricoltura produce cereali, barbabietole da zucchero e ortaggi. L'industria è attiva nei settori edile, impiantistico, dei materiali da costruzione, delle vernici e della lavorazione del legno.