Questo sito contribuisce alla audience di

Campanile, Iàcopo, detto Capànio

rimatore napoletano (sec. XVI). È autore di un poemetto in ottave, Tempio d'amore, in cui sono elogiate le più belle donne di Napoli. L'opera fu plagiata da Niccolò Franco nell'omonimo Tempio d'amore .

Collegamenti